Allegri ringrazia Bernardeschi, la Juventus batte il Chievo all’ultimo

Un gol del numero 33 bianconero regala i tre punti ai suoi, passati in vantaggio con Khedira. In mezzo le reti di Stepinski, Giaccherini e l'autogol di Bani

di Tommaso Gambadori
Tommaso Gambadori
(29 articoli pubblicati)
Juventus v Juventus U19 - Pre-Season Fri

Una vittoria facile, bel gioco, la consapevolezza di non avere rivali in Italia e magari, perché no, anche la piroetta di Ronaldo sotto lo spicchio dei supporters bianconeri a festeggiare il primo gol con la nuova maglia. Era questo, probabilmente, ciò che molti juventini (e non) si aspettavano da questo inizio di campionato ed era questo il copione che la Vecchia Signora sembrava aver iniziato a seguire dopo soli 3', quando Khedira deposita in rete il primo pallone della Serie A 2018/2019. Ciò che non ci si poteva aspettare invece, era la reazione del Chievo che, con Stepinski prima e Giaccherini poi, fa materializzare davanti agli occhi bianconeri lo spettro di una falsa partenza che avrebbe del clamoroso. Se però dalla panchina hai la fortuna di poter far alzare Bernardeschi, Mandzukic ed Emre Can tutto diventa più facile. E allora ecco che la Juventus torna prepotentemente in carreggiata, prima grazie all'autorete di Bani, e poi con il tocco dello stesso Berna, che al 93' fa 2-3.

Apre Khedira, poi la rimonta

Per la prima stagionale Allegri veste a festa la sua Juventus, con Ronaldo centravanti e la qualità di Dybala, Douglas Costa e Cuadrado alle sue spalle. Non c'è Can, al suo posto Khedira, con Pjanic in cabina di regia. Esordio dal 1' per Cancelo, con Chiellini, Bonucci ed Alex Sandro. Sczezsny tra i pali. La partenza bianconera è bruciante. Punizione dalla destra di Pjanic, Chiellini arriva per primo sul pallone e lo serve all'indietro sul sinistro di Khedira, 0-1. La Juve del primo quarto d'ora sembra una macchina infermabile. I pericoli arrivano in quantità industriale dalle parti di Sorrentino, bravo e fortunato a tenere a galla i suoi. Poi, complice anche il caldo, i bianconeri alzano il piede dall'acceleratore, lasciando inevitabilmente campo al Chievo, che pure vede Sczezsny solamente come una sagoma lontana. Al minuto 38' però, i gialloblu pareggiano. Il cross di Giaccherini è preciso, la marcatura di Bonucci su Stepinski non altrettanto ed il 9 polacco è bravo ad indirizzare di testa il pallone del pareggio all'incrocio. I pericoli maggiori per la "Vecchia Signora" arrivano dalla rapidità dell'ex Giaccherini, che al 56' entra in area e viene atterrato da Cancelo. Pasqua non ha dubbi e concede il rigore che lo stesso Giak trasforma per il 2-1.

La vittoria arriva al 93'

La paura sveglia e trasforma la Juventus, che ritorna la bestia famelica intravista nel primo quarto d'ora. Ci provano Ronaldo (prestazione discreta la sua), Dybala e Manduzkic, bravo Sorrentino a dire di no. Anche il numero 70 gialloblu però, è costretto ad arrendersi all'harakiri di Bani che, su corner dalla destra, e complice anche la pressione di Bonucci, infila la propria porta per il 2-2. Il Chievo si chiude nella tana, mentre i bianconeri protestano per un gol annullato a Mandzukic. L'assedio del "Bentegodi" porta finalmente i suoi frutti al 93', quando Cuadrado semina il panico sulla sinistra e mette in mezzo un pallone basso e teso. La zampa destra di Bernardeschi anticipa il colpevole Bani, 2-3 e tre punti che prendono la via di Torino.

Fonte: l'autore Tommaso Gambadori

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.