103 giorni dopo, bentornata Serie A

Dalla doppietta di Caputo e il gol di Boga in Sassuolo-Brescia del 9 marzo 2020 a Torino-Parma del 20 giugno: la Serie A è ufficialmente ripartita

di Gabriella Ricci
Gabriella Ricci
(9 articoli pubblicati)
Riparte il campionato

Se n’è discusso dallo stop per l’intensificazione della pandemia, facendo largo ad una serie approssimativa di supposizioni, ma a partire dalle 19:30 di ieri sera la Serie A è ufficialmente ripartita con Torino-Parma e Verona-Cagliari, recuperi della 25^ giornata.

Allo stadio Olimpico di Torino si è concluso con un pari il match tra i padroni di casa e i ragazzi di D’Averso: risultato registrato tutto nel primo tempo, con le reti di Nkoulou al 15′ – che svetta sul calcio d’angolo battuto da Berenguer e dedica il gol a George Floyd, inginocchiandosi ai piedi di Belotti – e la risposta alla mezz’ora di Kucka, in gol con un sinistro da dodici metri su assist dal fondo di Gervinho. Due minuti dopo l’inizio della ripresa, subito due grandi occasioni per il Torino di recuperare il vantaggio, con un colpo ravvicinato di Zaza e il calcio di rigore battuto centralmente da capitan Belotti; a entrambi viene però negata la gioia del gol da due parate di Luigi Sepe – nessun portiere ha parato più rigori di lui in questa Serie A – .Al 74′ il Toro fallisce un’altra limpida occasione da gol con Edera che manca il bersaglio di testa: posizione in classifica che resta dunque invariata tanto per i granata, lontani 3 lunghezze dalla zona retrocessione, quanto per il Parma, che aggancia il Milan a quota 36 punti.

Altra squadra in lotta per scacciare il pericolo retrocessione è la Sampdoria, che stasera alle 21:45  sfiderà l’Inter famelica di Antonio Conte a San Siro, ma solo dopo il recupero delle 19:30 tra Atalanta e Sassuolo.

Intanto, secondo incontro disputato nella serata di ieri è stato quello tra Cagliari e Verona, che si è imposto per 2-1 sui sardi – nonostante l’espulsione di Borini al 35′ nel contrasto con Rog – e che respira aria d’Europa, appena dietro il Napoli che sfiderà nel prossimo turno di campionato; veneti subito avanti al 13′ con la rete di Di Carmine – su assist di Lazovic – che poi fa doppietta al 26′ con un gran destro da fuori.Simeone riapre la gara al 43′ – su sponda di testa di Pellegrini- con una mezza girata a botta sicura con il mancino, riaccendendo così le speranze di Walter Zenga, all’esordio sulla panchina del Cagliari; i sardi ripartono forti nel secondo spezzone di gara e al 70′ viene ripristinata la parità numerica con l’espulsione di Cigarini, ma nonostante gli assalti nel finale della squadra ospite, il Verona porta a casa i primi 3 punti dopo lo stop e vola a +2 sul Milan.

Fonte: l'autore Gabriella Ricci

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.