NBA Monday Night: i risultati della notte

Vincono tra le mura amiche Indiana, Atlanta, Memphis e Milwaukee; vittorie esterne per Boston e Miami. Da registrare il passaggio di Griffin ai Detroit Pistons

di Carlo Cecino
Carlo Cecino
(19 articoli pubblicati)
Blake Griffin

Ieri notte sono andate in scena 6 gare di NBA . La prima partita vedeva i Charlotte Hornets andare in quel di Indiana. A spuntarla sono stati i padroni di casa col punteggio di 105-96. Il miglior marcatore della serata è stato Oladipo, che ha portato alla dote dei Pacers 25 punti. Da segnalare la doppia doppia di Sabonis (11 punti +10 rimbalzi) e i 22 punti di Myles Turner conditi da 4 rimbalzi. Per Charlotte vana la doppia doppia di Howard (22 punti + 11 rimbalzi)  e le buone prove di Walker e Batum.

Nella seconda partita della notte gli Atlanta Hawks  hanno riservato un'amara sorpresa ai più quotati Minnesota Timberwolves, in quanto, sovvertendo i pronostici che li vedevano già spacciati, hanno avuto la meglio per 105-100. Nel finale alcune decisioni scellerate del play dei Twolves Teague hanno condizionato il risultato. Il "man of the game" è stato Kent Bazemore, autore di 22 punti e delle giocate "clutch" negli ultimi minuti di gara. Per Belinelli 8 punti in 17 minuti di gioco. A Minnesota non basta un Butler da 24 punti e la doppia doppia di Towns (15 punti+ 13 rimbalzi).

Nelle altre 2 vittorie casalinghe della serata i Bucks di un sontuoso Antetokounmpo (31 punti, 18 rimbalzi e 6 assist per lui) hanno sconfitto 107-95 i Sixers privi di Embiid (che non ha ancora ricevuto il via libera dai medici per giocare i back-to-back); Milwaukee, alla quarta vittoria consecutiva con Joe Prunty alla guida della panchina, sconfigge una delle dirette rivali per la corsa ai playoff della Eastern Conference.

L'ultima vittoria casalinga della notte è quella dei Memphis Grizzlies contro i Phoenix Suns. Il punteggio finale è di 120-109 per il team del Tennesse. Mattatore della serata è Tyreke Evans con 27 punti a referto e sempre più candidato al Most Improved Player, al pari di Oladipo dei Pacers. Per i Suns, giunti alla quinta sconfitta consecutiva e senza Booker, fermo a causa di un problema alle costole, buone risposte dal solito TJ Warren e dal rookie Josh Jackson (rispettivamente 24 e 20 punti).

Gli ultimi 2 match della nottata registrano 2 vittorie in trasferta delle squadre della Eastern Conference ai danni di quelle della Western Conference. I Miami Heat vincono a Dallas, scappando nel secondo e nel terzo quarto e contenendo la rimonta finale dei Mavericks ; mantengono in questo modo il quarto seed ad Est. Whiteside domina sotto i ferri e finisce il match con 25 punti e 14 rimbalzi. I Mavs invece incappano in un'altra sconfitta e a nulla servono i 20 punti di Barnes e i 19 di Matthews; ma possono sorridere perché Dennis Smith Jr sembra davvero un prospetto su cui puntare in futuro.

La partita forse più divertente si registra a Denver, dove Boston riesce a vincere 111-110 dopo un finale punto a punto. I Celtics avevano dominato il primo quarto, salvo poi farsi rimontare nel terzo. Gran partita di Irving, che termina la gara con 27 punti e 6 assist, coadiuvato dal rookie Jayson Tatum (per lui 20 punti, ma ormai non fa più notizia). I Nuggets rispondono con una prestazione di alto livello di Jokic (24 punti, 11 rimbalzi e 5 assist) e i 20 punti dalla panchina di Trey Lyles. Nel finale la tripla decisiva è siglata da Jaylen Brown e il tap-in di Craig, sulla tripla da metà campo di Barton è a tempo scaduto; così i C's possono rimanere in vetta alla Eastern Conference.

Una notizia che fa rumore riguarda il passaggio della superstar Blake Griffin ai Pistons di coach Van Gundy. Trade sconvolgente in quanto i Clippers avevano da poco rinnovato col max salariale la propria stella. Detroit, in cambio di Griffin e dei contratti di Willie Reed e Brice Johnson, cede ai Clippers i diritti su Avery Bradley, Tobias Harris e Boban Marjanovic, più la prima scelta del 2018 (protetta in top 4 fino al 2020) e una seconda scelta futura. Con questa trade i Pistons vogliono rilanciarsi nella corsa playoff, mentre i Clippers sembra diano il segnale di voler ricostruire da zero, poiché sul piede di partenza ci sono anche DeAndre Jordan e Lou Williams.

Antetokounmpo e Simmons in Bucks-Sixers
Fonte: l'autore Carlo Cecino

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.