Finals Nba: Toronto doma Golden State in gara uno

I Raptors sconfiggono a sorpresa i campioni in carica superandoli 118-109

di Stefano Cavallaro
Stefano Cavallaro
(136 articoli pubblicati)
Toronto Raptors

Le Finals partono subito col botto. Gli Warriors perdono in casa dei Raptors e questa è già una notizia bomba. Gli uomini di Coach Kerr non avevano mai perso la prima gara dell'atto conclusivo della stagione dopo essersi aggiudicati gli ultimi due anelli. Toronto ha sorpreso Curry e compagni e davanti al proprio pubblico ha timbrato l'1-0 nella serie. 

I Raptors hanno controllato e condotto il match in lungo ed in largo ed hanno meritato la vittoria. Ormai, i canadesi, non possono essere più considerati una rivelazione e si giocheranno le proprie carte fino in fondo. Gli uomini di Coach Nurse non hanno niente da perdere, mentre, Golden State ha ora tutta la pressione addosso. In questo memorabile match d'apertura delle Finals il protagonista che non t'aspetti è Siakam. La giovane ala dei Raptors ha letteralmente demolito gli Warriors stravincendo il duello con Green, il miglior difensore dei campioni in carica. Pascal ha segnato 32 punti in 40 minuti risultando a tratti immarcabile ed è stato quasi perfetto da dentro il pitturato chiudendo con un fantastico 14/17 da 2 punti. Siakam è stato eletto a gran voce Mvp di gara 1 ed è risultato decisivo anche in chiave difensiva. Nei Raptors anche Marc Gasol è stato un fattore soprattutto sotto i tabelloni fatturando 20 punti a cui vanno aggiunti 7 rimbalzi. Leonard ha fatto il suo ma è sembrato "più umano" rispetto al fenomeno ammirato durante tutti questi Playoff. In ogni modo Kawhi ha messo a segno 23 punti ed è riuscito a smarcare bene i compagni (7 assist) alla luce dei numerosi raddoppi eseguiti dagli Warriors per limitare la sua azione offensiva. Lowry e VanVleet hanno contribuito a creare un'ottima difesa di squadra che ha consentito ai Raptors di neutralizzare l'attacco dei campioni uscenti. Golden State, nonostante i 34 punti di Curry ed i 21 Thompson, non è riuscita ad arginare la furia dei Raptors. E non inganni neanche l'ennesima tripla doppia centrata da Draymond Green che ha sofferto oltremodo Siakam ed ha faticato a rimbalzo. Coach Kerr ha alternato ben 12 giocatori sul parquet nel tentativo di trovare soluzioni alternative per rimettere in piedi la gara ma non è bastato. A fine partita lo stesso allenatore è stato molto franco nell'ammettere la prestazione negativa della propria squadra. 

Tra l'altro con Durant ancora fuori causa ed Iguodala infortunatosi in gara 1, gli Warriors non possono dormire sonni tranquilli e sono costretti a reagire prontamente per non ritornare ad Oakland sotto 2-0. Golden State dovrà ritrovare il proprio gioco corale, marchio di fabbrica della franchigia che tutti hanno ammirato negli ultimi anni, e soprattutto, dovrà elevare la propria intensità difensiva. Toronto deve sicuramente godersi la bella vittoria ottenuta nel primo match ma non deve rianimare gli Warriors cercando di affondare il colpo del 2-0. Ed è proprio da lì che i Raptors possono imboccare la strada che porta dritta al trono detenuto da Golden State.

Siakam
Fonte: l'autore Stefano Cavallaro

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.