Wimbledon 2018: è il tramonto del Serve & Volley?

Il tennis moderno prevede un approccio più fisico, dove i colpi da fondo prendono il sopravvento sul gioco a rete

di Lorenzo Ciotti
Lorenzo Ciotti
(122 articoli pubblicati)
Day Thirteen The Championships - Wimbled

Wimbledon è il torneo delle tradizioni. Dal 1877, per due settimane, Londra diventa la capitale mondiale del tennis. Sull'erba dello storico Centre Court si sono sfidati i più grandi tennisti della storia. Dai tempi di Fred Perry, René Lacoste e Suzanne Lenglen, all'epoca attuale di Roger Federer, Rafael Nadal e le sorelle Williams. 

Sin dalle loro origini i Championships hanno mantenuto quasi invariate regole e le tradizioni, in quella che può essere considerata la massima espressione dello stile British. Eppure, tra una coppa di fragole con panna e un bicchiere di Pimm's, il torneo rischia di perdere forse i suoi più grandi protagonisti; gli interpreti dello stile Serve & Volley

Si tratta dei tennisti dal gioco estremamente offensivo, che dopo il servizio si lanciano a rete per chiudere anticipatamente il punto con spettacolari volée, smorzate e tuffi. Una categoria in via di estinzione per due fattori. Il primo riguarda il continuo (e stucchevole) rallentamento delle superfici di gioco. A Wimbledon il cambio epocale avvenne già nel 2001, quando gli organizzatori del torneo decisero di modificare la composizione dell'erba dei campi, rendendola più lenta e più adatta a scambi prolungati. 

Il secondo fattore è prettamente fisico/tattico. I giovani tennisti ormai tendono a rinforzare il proprio corpo, rendendolo adatto a un tennis contemporaneo, dove l'evoluzione tattica ormai prevede - salvo poche eccezioni - scambi da fondo campo e giocatori che non si spostano molto dalla linea di fondo. Tutto ciò si traduce con scambi lunghi e partite più intense a scapito della spettacolarità e imprevedibilità dei colpi. 

Sono rimasti in pochi ormai gli esponenti del Serve & Volley, il quale è uno stile in via di estinzione. Tra di loro c'è Roger Federer, capace a quasi 37 anni di infiammare il pubblico con le sue giocate. Ma Wimbledon è nato per essere il tempio di questo stile. E limitando gli esponenti del Serve & Volley, il torneo con più tradizioni del mondo rischia di spezzare una delle più grandi e antiche specialità della casa.

Wimbledon Spring Press Conference 2018
Fonte: l'autore Lorenzo Ciotti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.