“Ten Pounds of Gold”, cosa rimane della National Wrestling Alliance

L'acquisto da parte del cantante degli Smashing Pumpkins e la produzione di una serie su YouTube basteranno per il rilancio dello storico brand?

di Gianluca Caporlingua
Gianluca Caporlingua
(21 articoli pubblicati)
Billy Corgan, proprietario della NWA

Negli anni '40, varie federazioni regionali, dislocate in tutto il Nord America, si unirono sotto l'egida della National Wrestling Alliance per formare il primo organo di governo del pro wrestling che garantisse il coordinamento dell'attività delle affiliate e il riconoscimento di un unico titolo mondiale. Ogni "territorio" (termine con cui vennero definite le federazioni associate) si sarebbe impegnato a non promuovere eventi al di fuori della propria area geografica di competenza ed avrebbe garantito il proprio appoggio, con il "prestito" di lottatori del proprio roster, agli altri promoter, ove fosse stato necessario per contrastare la concorrenza locale da parte di federazioni non affiliate. Inoltre, tutte le federazioni, pur continuando a mettere in palio i propri titoli, avrebbero coronato un solo NWA World Heavyweight Champion, che avrebbe difeso il proprio titolo anche al di fuori dei propri confini geografici di appartenenza, mettendolo in palio contro i wrestler di altri territori.

L'NWA divenne così, per circa quarant'anni, il brand dominante del wrestling americano, con estensioni in Giappone, Australia, Messico e Portorico. Fino alla fine degli anni '80, quando era ormai in atto l'espansione a livello nazionale della World Wrestling Federation di Vince McMahon, che avrebbe portato al fallimento dell'intero sistema dei territori.

Ad ogni modo, negli anni successivi, la National Wrestling Alliance continuò in sordina la sua attività di organo di affiliazione e governo di piccole federazioni. Ma nel 2012, a seguito di una causa legale, l'NWA si convertì in un'organizzazione privata che avrebbe concesso in licenza il marchio e i propri titoli alle singole federazioni, causando un'ulteriore emorragia di affiliati.

Infine, a maggio di  quest'anno, il cantante degli Smashing Pumpkins ed appassionato di wrestling di lungo corso, Billy Corganha acquistato il marchio e i diritti della  NWA, diventando -  a partire dall'1 ottobre - il nuovo proprietario del brand e dei titoli, che continuano ad essere messi in palio durante gli show delle federazioni indipendenti su autorizzazione della stessa NWA.

Il primo atto di Corgan, da proprietario, è stata la produzione di una serie su YouTube intitolata "NWA Ten Pounds of Gold", dal nome con cui viene comunemente descritta la cintura di campione. Al momento dell'acquisto del brand da parte del cantante, il detentore del titolo del mondo era Tim Storm che, a 51 anni, è diventato il lottatore più vecchio ad aver vinto la cintura. Un wrestler che - parole sue - non avrebbe mai minimamente immaginato di poter scrivere il proprio nome fra i grandi campioni del mondo NWA come Lou Thesz, Ric Flair o Harley Race, solo per citarne alcuni.

E gli episodi della serie ci fanno rivivere la parabola di Storm, ad un anno dalla conquista del titolo (avvenuta il 21 ottobre del 2016). Dalla sua celebre apparizione in TV con la cintura - lo scorso 8 ottobre - sul ring della Championship Wrestling from Hollywood alla difesa del titolo, nella stessa sede, contro Nick Aldis, il 12 novembre. Passando per i match vinti contro un altro pericoloso sfidante, Jocephus, e il faccia a faccia con Tommy Dreamer ad House of Hardcore, la promotion dell'ex lottatore ECW. Fino ad arrivare al rematch contro Aldis,  disputatosi il 9 dicembre, durante l'evento Cage of Death della Combat Zone Wrestling. Un incontro combattuto con due costole incrinate - risultato della precedente contesa con Jocephus - in cui a prevalere, alla fine, è stato lo sfidante.

Nonostante vada riconosciuta la dedizione alla causa di Storm, il cambio di titolo in favore di un lottatore più giovane di circa 20 anni, il nuovo NWA World Champion Nick Aldis, è forse indicativo del nuovo corso che Corgan - con il suo collaboratore, l'ex WWE Dave Lagana - vuole dare all'NWA. Per adesso, data la qualità della YouTube series, registriamo come le premesse per un rilancio dello storico brand ci siano tutte. Non ci resta che attendere le prossime mosse.

La fonte dell'articolo è l'autore Gianluca Caporlingua

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.