Pallamano: l’Italia ha una fame… Mondiale

La Nazionale Azzurra si gioca a Bolzano l'accesso ai Campionati Mondiali che manca da più di venti anni

di Roberto Avallone
Roberto Avallone
(24 articoli pubblicati)
Italia pallamano

Fare la storia. Ripetere il risultato del 1997. E' questo il diktat di Riccardo Trillini e dell'intera truppa che in questi giorni sta lavorando ininterrottamente per arrivare più che pronti all'appuntamento della "tre giorni di Bolzano" (11-13 Gennaio ndr).

Il morale è alto, c'è tanta voglia di rivalsa e di dimostrare il proprio valore. Adesso non si scherza, nel girone da quattro squadre va avanti soltanto la prima classificata. Le avversarie saranno ugualmente agguerrite, tutte hanno un obiettivo ed un sorriso da regalare ma gli Azzurri giocheranno in casa, dinanzi a tantissimi spettatori festanti, un vantaggio non da poco.

L'altro lato della medaglia è rappresentato dalle aspettative di tifosi e addetti ai lavori. Quelle ci sono sempre, in ogni ambito, a volte spinte da paura ed apprensione. L'Italia sta lentamente costruendo una risalita con programmazione a largo raggio e pazienza ma i risultati del campo spingono l'opinione pubblica in un verso o nell'altro.

"Può essere un nuovo inizio?" "Possiamo finalmente uscire dal baratro?" "Resteremo sul fondo delle gerarchie?" "Siamo all'altezza?". Tante domande che cercano una risposta, quella che Turkovic&compagni daranno al termine della kermesse altoatesina. Un risultato negativo porterebbe due reazioni: gli ottimisti che si affideranno al beneficio del tempo sottolineando come il nuovo corso abbia cominciato da poco e i pessimisti che arriveranno addirittura a rimpiangere chi guidava la Nazionale fino a non molti mesi fa. Anche in un mondo come la pallamano italiana le critiche e i mal pensanti abbondano: non è una novità dopotutto, l'Italia è fatta così, ad ogni livello.

Io però voglio concentrarmi su questi ragazzi e sull'obiettivo di un intero Movimento: si perché prima di essere giocatori, sono appassionati, proprio come quelli che li seguiranno dal vivo o in tv.
Sanno di vestire la maglia della propria Nazione, conoscono le difficoltà che li circonda nel quotidiano così come la gioia che potrebbero regalare in caso di successo. Hanno fame, tantissima fame: la Storia è piena di uomini che, con coraggio, sacrificio ed abnegazione, hanno raggiunto traguardi inizialmente impossibili.

Nei miei articoli precedenti ho evidenziato la Passione e l'Amore che chiunque nel mondo della pallamano italiana possiede, un'energia che li spinge giorno dopo giorno a tenere la testa a galla e non farsi sovrastare dall'indifferenza. Sarebbe troppo facile arrendersi e cambiare strada ma non sarebbe giusto nei confronti dei loro sentimenti.

Sono più di venti anni che un Campionato Mondiale non ci vede tra i protagonisti. Tanto, troppo tempo. L'Italia è una Regina del mondo dello Sport ed il posto che le compete è ai massimi livelli. "Anche nella Pallamano?" Si, l'imperativo dev'essere questo. Si dovrà sudare, lottare, piangere ma alla fine l'apoteosi arriverà. Per ora i "nemici" si chiamano Romania, Ucraina e Far Oer ma saranno solo i primi del nostro viaggio. 

L'Alto Adige, tralasciando i discorsi politici, dovrà essere armato come un baluardo invalicabile, impugnerà le armi e farà sventolare la bandiera Tricolore guidando un intero popolo alla vittoria.
Non si tratta di una rivincita ma di una rinascita.

L'appuntamento è chiaro a tutti, è cerchiato in rosso sui calendari di migliaia di persone. Cosa siamo noi se non sognatori? Chi dice che non possiamo aggrapparci a qualcosa e far brillare i nostri occhi quando quei ragazzi entreranno in campo e l'Inno risuonerà nell'aria?

Il 2017 si è concluso e sono certo che tutti noi abbiamo ancora nella testa la terribile eliminazione dell'Italia di Ventura dai Mondiali di Calcio di Russia del prossimo Giugno. Lasciamo che questo 2018 si apra diversamente, con l'Italia maschile della Pallamano a strappare il pass per Germania&Danimarca 2019!

Forza ragazzi, facciamo il tifo per voi e per la Storia. Viva Italia!

Fonte: l'autore Roberto Avallone

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.