Non solo Tortu e Tamberi, domani i nomi per il mondiale

In occasione del Mennea Day a Matera il Dt potrebbe già comunicare i convocati per Doha, con molti nomi nuovi a far compagnia ai nostri due alfieri.

di Mattia Gallo
Mattia Gallo
(5 articoli pubblicati)
Filippo Tortu

In Qatar è tutto pronto per l'inizio del campionato del mondo di atletica più strano della storia. Non solo per il periodo di gare, che non si era mai spinto nell'autunno inoltrato ma anche per gli orari, non ci saranno gare al mattino e alcune, vedi marcia e maratona, prenderanno il via a mezzanotte per evitare agli atleti le temperature alte della giornata. Potremmo considerarlo un ottimo test in vista dei giochi olimpici dell'anno prossimo a Tokyo dove, come ha riportato chi è andato a fare un sopralluogo a un anno di distanza, ci aspetteranno temperature assolutamente proibitive per fare atletica.

In tutto ciò questi mondiali potrebbero essere anche dei mondiali di svolta per il nostro movimento che, mai come in questa stagione, si è mostrato con un respiro più internazionale e con molti elementi che potrebbero garantirsi un posto in finale e, perché no, lottare per qualcosa di importante. Il direttore tecnico Antonio La Torre ha annunciato che domani, giovedì 12 settembre, potrebbe arrivare già una prima lista degli atleti convocati, comprensiva anche di quelli ripescati dal sistema dei target numbers (ovvero gli inviti che la IAAF ha diramato per arrivare ad un numero minimo di partecipanti per competizione), oltre ovviamente a chi lo standard lo ha già conseguito. 

Oltre ai punti fermi del nostro movimento cominciano a farsi strada nomi nuovi che avranno l'occasione di misurarsi nel palcoscenico più importante per questo sport, secondo solo alle olimpiadi. Filippo Tortu e Gimbo Tamberi rimangono i due grandi nomi dell'atletica italiana e per loro la finale è solo l'obbiettivo minimo che si sono posti, più difficile per Tortu ambire ad una medaglia, non impossibile per Tamberi poiché l'alto maschile quest'anno oltre a non avere un dominatore assoluto non ha neanche mai raggiunto misure impossibili. Nella stessa gara sarà in pedana Stefano Sottile che col nuovo primato personale a 2.33 m ha stabilito la seconda prestazione mondiale dell'anno. Per gli uomini fari puntati anche su Fausto Desalu che, dopo un inizio di stagione difficile, si sta stabilendo su ottimi tempi e buone prestazioni sui 200 m, l'ultima proprio ieri sera nell'incontro Europa-USA. Nella distanza doppia, invece, Davide Re arriva con grandi aspettative dopo aver dominato la stagione europea e abbassato il primato nazionale per la prima volta sotto i 45".

Al femminile c'è un nome nuovo: Luminosa Bogliolo. Anche se la prestazione con i panni dell'Europa è stata la prima sopra i 13" da molte gare a questa parte, arriva ai campionati del mondo con delle certezze solide, vale a dire solidità tecnica e stabilità su tempi che potrebbero valere una corsia nella finale dei 100 hs. Sempre sugli ostacoli, ma quelli alti, Ayomide Folorunso arriva da una stagione con grandi progressi cronometrici, per la prima volta in carriera sotto i 55", e dall'oro delle universiadi di Napoli. Anche per l'azzurra allenata ma Pratizzoli l'obiettivo finale non potrebbe essere una mission impossible. Nell'alto da tenere d'occhio Trost e Vallortigara che, seppur con qualche difficoltà, potrebbero dire la loro in una eventuale finale. 

Fonte: l'autore Mattia Gallo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.