Da Napoli a Liverpool, le due facce della stessa medaglia

Nella sfida tra Everton e Manchester UTD, Cavani mette a segno il gol del definitivo 1-3 mettendo in ginocchio la squadra dell'ex allenatore azzurro Ancelotti

di Ermanno Ceruetto
Ermanno Ceruetto
(14 articoli pubblicati)
Cavani e Ancelotti

La storia di Napoli è intrisa di sentimentalismo, speranze e lotte ma ciò che più di tutto preme sulla coscienza del popolo partenopeo è quella voglia di rivalsa che ha sempre caratterizzato l'ambiente Napoletano. Per Napoli sono passati tanti giocatori e allenatori e da Napoli ne sono partiti altrettanti, alcuni lasciando il segno altri meno ma in ogni caso sono rimasti in maniera positiva o negativa nella mente dei tifosi partenopei. 

Chi sicuramente è rimasto nel cuore dei tifosi è Edinson Cavani, soprannominato il "Matador". Soprannome che gli rimane incollato nei suoi, brevi ma intensi, 3 anni a Napoli, tanto da diventare per tutti riconosciuto con lo stesso pseudonimo al posto del nome. Cavani, insieme a Lavezzi e a Hamsik, diventa uno dei simboli del Napoli di quegli anni e regala tante gioie ai tifosi napoletani coi suoi 78 gol, che gli regalano tante gioie personali tra cui il primo posto nella classifica cannonieri nell'anno 2012-13 e scavalcando un altro simbolo di Napoli, Careca, nella classifica dei marcatori All-time del Napoli a sole 3 marcature da Maradona. Il Matador se ne andrà da Napoli in direzione Parigi al PSG col quale firmerà un quinquennale, lasciando un vuoto nei cuori dei tifosi che si consoleranno con l'arrivo del Pipita Gonzalo Higuain.

Chi, d'altro canto, è rimasto solo un ricordo sbiadito e non tanto gradito nei ricordi dei tifosi è "Re" Carlo Ancelotti. Carlo è arrivato a Napoli da vincitore e se n'è andato, secondo una visione condivisa da gran parte della tifoseria azzurra, da perdente. Ancelotti viene accolto come il grande allenatore che tanto mancava al Napoli e in grado, secondo l'opinione popolare, di portare a Napoli dei campioni mondiali del massimo livello. Le cose non cominciano bene, col mancato approdo del tanto sognato dalla piazza, James Rodriguez. Da subito, Carlo non stravolge il lavoro dell'ex Sarri ma pian piano imprime la sua idea di gioco, passando al 4-4-2. In Champions, nel girone di ferro con Liverpool, PSG e Stella Rossa, il Napoli sfiora l'impresa della qualificazione per via di un miracolo di Allison su Milik. Conclude la stagione al secondo posto in campionato ed eliminato ai quarti di coppa Italia dal Milan. Al secondo anno di guida tecnica ne succedono di tutti i colori. Dalla grandissima vittoria con il Liverpool in Champions (fresco vincitore uscente della massima competizione Europea), ai soli 12 punti tra la 5ª e la 15ª giornata e al ritiro forzato voluto da Aurelio De Laureentis, al quale la squadra preferì non aderire. Le colpe addossategli a Napoli sono state molte ma il povero Carlo si è trovato in una situazione poco consona per svolgere al meglio il proprio lavoro ed essendo stato tra l'altro l'unico anello di congiunzione tra società e giocatori. Ancelotti verrà esonerato il 10 Dicembre di quello stesso anno. Re Carlo diventerà allenatore dell'Everton il 21 dicembre, esattamente 11 giorni dopo.

Destino vuole che i due si debbano incontrare. Cavani ormai ai ferri corti col PSG, decide di non rinnovare il contratto e, dopo un tira e molla col Benfica, sceglie di andare al Manchester UTD ritrovandosi Re Carlo come avversario. Everton-Manchester utd non è una semplice sfida di premier per i tifosi del Napoli, per loro è una sfida contro il passato. 

La sfida sembra non debba concretizzarsi, al gol di Bernard al 19' rispondono i due gol di B. Fernandes al 25' e al 32', e la partita è sui binari giusti per lo utd. Solskjaer però non decide di coprirsi ma di chiudere la partita, inserendo al posto di Mata e Martial rispettivamente Pogba e Cavani. Il giocatore Uruguagio entrato all'82' firma il gol che chiude la partita al 95' sul 1-3 e che regala un sussulto di orgoglio a quella frangia napoletana restata affezionata a Cavani e restia nei confronti di Re Carlo. 

Fonte: l'autore Ermanno Ceruetto

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.