Lube Civitanova versione grandi numeri: campioni d’Italia e d’Europa

La squadra di coach De Giorgi e del Direttore Generale marchigiano Beppe Cormio scrive la storia. Ora è davvero in cima al mondo.

di Daniele Bartocci
Daniele Bartocci
(330 articoli pubblicati)
Milan Design Week 2018 - 57 Salone Del M

E’ una serata infinita, dalle mille emozioni, quella vissuta a Berlino. "Andiamo a Berlino Beppe", direbbe Fabio Caressa al suo caro amico Beppe Bergomi. Adrenalina allo stato puro, in un Magic Saturday che rimarrà nella memoria di tutti gli amanti del volley. La Lube Civitanova del marchigiano ultrasessantenne Beppe Cormio (Direttore Generale) è campione d’Italia. Anzi no campione d'Europa. La Germania si inchina alla corazzata civitanovese che può alzare al cielo la tanto attesa Champions League, interrompendo il dominio mondiale dello Zenit Kazan, vincitore delle ultime quattro edizioni della competizione europea. E' davvero una Lube Civitanova in versione Grandi Numeri, che si prende la rivincita dopo la sconfitta nella finalissima dello scorso anno a Kazan, andando a strapazzare il collettivo russo in quattro set, dominando in lungo e in largo.  

Pochi giorni prima lo stratosferico gruppo diretto dal marchigiano Beppe Cormio si era aggiudicato lo scudetto a Perugia. Una rimonta strepitosa al tie-break, dopo essere stata sotto 2-0, vale il quinto scudetto della storia del club, a distanza di tredici anni dal primo ottenuto sempre con coach de Giorgi. La Sir Safety Conad del fenomeno Leon piange sul latte versato, d’altronde come diceva l’ex coach jesino Julio Velasco ‘chi vince festeggia chi perde spiega’. 

A far festa, dopo ben sette finali consecutive perse, il marchigiano Giuseppe Cormio, apparso comprensibilmente teso alla vigilia della finale tanto da declinare l’invito al convegno tenutosi ieri mattina all’Università Politecnica delle Marche, a cui hanno partecipato con piacere vari relatori e suoi colleghi from Jesi quali Paolo Giardinieri e Francois Salvagni. Sulle ali dell’entusiasmo Beppe Cormio è volato a Berlino strapazzando Kazan e diventando campione d'Europa.  Il trofeo numero 20 per Civitanova, seconda Champions League, dopo quella del 2002 e dopo la finalissima persa dello scorso anno proprio contro Kazan. Tutti in piedi per la grande Lube. 

Fonte: l'autore Daniele Bartocci

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.