Buon compleanno Donadoni, il calciatore bergamasco migliore di sempre

Il giovanre Roberto cresciuto nell'Atalanda diventato fuoriclasse nel Milan di Sacchi compie 56 anni allenando in Cina, una storia bellissima la sua

di Luca Sala
Luca Sala
(145 articoli pubblicati)
The greatest

Chi e' andato allo stadio di Bergamo a vedere l'Atalanta almeno una volta in vita sua avra' potuto ammirare uno dei suoi tanti e   ottimi giocatori  fatti in casa , passati alle grandi squadre nonche' alle varie nazionali facendole spesso grandi.

Memorabile a questo proposito la formazione orobica di nome e di fatto capace di vincere la Coppa Italia  nel 1963 con i giocatori che si parlavano in dialetto bergamasco, incomprensibile come poche altre lingue al mondo, forse il segreto di quello storico ed unico successo firmato non a caso dalla tripletta di Angelo Domenghini, di Lallio  ,appena fuori Bergamo,  successivamente   campione d'Italia , d'Europa e nel Mondiale di club con la grande Inter per poi  conquistare il leggendario scudetto nel Cagliari di Gigi Riva.

Il  corposo preambolo serve ad introdurre come si deve Roberto Donadoni   che ebbi la fortuna di veder esordire nel campionato cadetto 82/83 sotto la guida di Ottavio Bianchi per poi   esplodere nel pressing di Nedo Sonetti in Serie A . Ecco che con il bravo ragazzo di Cisano Bergamasco la Dea si ritrovava in casa il giocatore piu' forte che abbia mai prodotto,  autentico fuoriclasse del calcio italiano  come dimostro' ampiamente una volta passato al Milan ,la  squadra del suo cuore fino alla Nazionale anche da allenatore.

Mi ricordo di aver provato gran  gusto quando il nostro rimpianto  presidente Cesare Bortolotti  anziche' cederlo alla solita Juventus cui l'aveva promesso,  preferi' mandarlo alla societa' rossonera di Berlusconi, una vera rivoluzione .

Una squadra che con Arrigo Sacchi segno' la storia del calcio mondiale vincendo tutto  che ebbe in Donadoni il miglior interprete italiano senza offesa per Maldini, Baresi o Costacurta, bravi come nessuno a difendere ma "la luce a San Siro " l'accendeva solo il bergamasco per citare la riuscita frase del presidente piu' vincente della storia del Milan, che per lui stravedeva letteralmente e giustamente, direi io.

Il regalo che farei in questo Donadoni Day sarebbe il Pallone d'Oro purtroppo mai assegnatogli, che avrebbe a mio avviso strameritato per la delizia delle sue giocate  con gli  ubriacanti dribbling sulla fascia destra, dove  sembrava scorrere su un go kart tanto s'involava leggero per crossare poi da maestro  ai fortunati compagni d'attacco. 

Fonte: l'autore Luca Sala

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.