Antonio Cassano dice basta: ci mancherà il suo essere vero!

Una vera leggenda, dentro e fuori dal campo, con una follia che lo ha reso amabile e amato da tutti

di Alan paul Panassiti
Alan paul Panassiti
(130 articoli pubblicati)
Partita Del Cuore Charity Match

Un altro giocatore che ha segnato un epoca se ne è andato.  Ha lasciato il calcio Antonio Cassano. Un giocatore che se avesse avuto più testa sarebbe stato a l livello dei piu grandi di sempre.

Un folle prestato al calcio, un povero diventato ricco, un uomo che da colossale donnaiolo (solo grazie al calcio e ai soldi va detto) è diventato un bravo padre di famiglia: una storia straordinaria si chiude oggi.

Ci hai fatto divertire Antonio.  Quando hai mostrato le corna a Rosetti durante la finale di Coppa Italia, non ho mai riso tanto.

Quando parlavi dell'omosessualità nel calcio dicendo: "Sono problemi loro..." con tutto il tuo candore.  Eri vero.  Uno degli ultimi. E ti ho amato per questo.

 Questa la fredda notizia  tramite il profilo Twitter del giornalista Pierluigi Pardo che ha deciso di non proseguire la sua avventura con la Virtus Entella, né tantomeno nel mondo del calcio

Smette ora. "È arrivato il giorno" dice, tramite il profilo Twitter del giornalista Pierluigi Pardo. Antonio Cassano dice stop, per davvero questa volta. Ecco il testo della sua lettera di addio al calcio.

"Cari amici. È arrivato il giorno, quello in cui decidi che è finita per davvero. Ringrazio il presidente Gozzi e i ragazzi dell'Entella per l'occasione che mi hanno concesso. Gli auguro tutto il meglio. In questi giorni di allenamento però ho capito che non ho più la testa per allenarmi con continuità. Per giocare a pallone servono passione e talento ma soprattutto ci vuole determinazione e io in questo momento ho altre priorità. Voglio ringraziare tutti i compagni di squadra di questi anni, gli avversari, gli allenatori e i dirigenti (sì, certo, anche quelli con cui qualche volta ho litigato). Ma soprattutto voglio salutare i tifosi, quelli dalla mia parte e anche gli avversari, perché senza di loro il calcio non esisterebbe.

Il pallone mi ha dato tantissimo. Mi ha fatto conoscere persone magnifiche, grandi campioni e gente comune. Mi ha tolto dalla strada, mi ha regalato una famiglia meravigliosa e soprattutto mi ha fatto divertire da matti. Ancora oggi quando mi capita di vedere una qualsiasi partita resto ipnotizzato. È il gioco più bello che c'è. Sì, lo so, con un altro carattere avrei potuto vincere di più e giocare meglio, ma credetemi, ho vissuto comunque emozioni incredibili e oggi ho accanto a me le uniche cose che contano davvero. La mia famiglia, gli amici e zero rimpianti. Adesso comincia il secondo tempo della mia vita, sono curioso e carico di dimostrare prima di tutto a me stesso che posso fare cose belle anche senza l'aiuto dei miei piedi.

Grazie a tutti, di cuore

Antonio Cassano"

Parma FC Presents New Signing Antonio Ca
Fonte: l'autore Alan paul Panassiti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.