Alejandro Gomez come Cristiano Doni: da leoni a conigli in un istante!

L'Atalanta puo' fare tranquillamente  a meno di presunti fenomeni come loro ,prima  esaltati  a furor di popolo finiranno dimenticati in fretta col senno di poi

di Luca Sala
Luca Sala
(234 articoli pubblicati)
Parma Calcio v Atalanta BC - Serie A

Il caso del  piccolo Papu rappresenta per come l'ho sempre visto e continuo a vederlo io  un'autentica farsa popolare, stiamo parlando infatti di un giocatore normale diventato speciale solo grazie al profeta calcistico Gasperini.

Chi ama veramente il gioco del calcio e ha goduto con veri campioni sa benissimo fare le debite proporzioni  giudicando per quello che realmente rappresenta l'ex capitano neroazzurro cui si è data troppa importanza, neanche stessimo parlando di Diego Armando Maradona!

Ammetto che vederlo cadere in disgrazia mi ha ricordato per certi versi il caso Doni la cui parabola discendente oggettivamente determinata dalle scommesse cominciò in realtà quando divenne eroe di Zingonia autoproclamatosi autentico capopopolo dal mento in fuori!

Non dimenticherò mai i festeggiamenti per il ritorno in Serie A che lo videro assoluto mattatore sul bus scoperto letteralmente sollevato da terra dalla folla oceanica accorsa per toccarlo come il messia, la stessa gente che ne chiedeva a gran voce l'investitura a sindaco di Bergamo.

Trovavo francamente esagerata tutta quella passione nei suoi confronti, un po' come accaduto per Gomez, giudicando entrambi importanti ma certamente non quei fuoriclasse che venivano dipinti, assurti a leader della gente per essersi messi a disposizione in campo ma soprattutto presso gli sterminati club degli Amici o alla pacchiana festa della Dea.

Due veri intoccabili, questo semmai erano e si son sempre sentiti, Il romano Doni fece fuori uno come Antonio Conte giunto ad allenare la Dea ispirando l'argentino Gomez nei confronti di mister Giampiero Gasperini, ma i tempi sono fortunatamente cambiati.

Piuttosto dovrebbe cambiare l'atteggiamento della società,in particolare del presidentissimo Percassi bravo ad aprir negozi più che la bocca, ammetto che il suo asciutto silenzio comincia a preoccupare, così come non si espresse mai chiaramente con Doni temo voglia fare nell'attuale circostanza.

Troppo il suo amore per entrambi o c'è sotto qualcos'altro, questo mi chiedo e vorrei sapere, pretendo massima chiarezza da parte sua affinché non ripeta madornali errori quali la cacciata del signor allenatore  Francesco Guidolin o la valutazione dell'operato di  Marcello Lippi futuro campione del mondo da ct con l'Italia, ben felice di andarsene da Bergamo come potrebbe fare l'attuale allenatore costretto a fare cena coi fichi secchi mentre l'arricchita proprietà banchetta a caviale.

Fonte: l'autore Luca Sala

DI' LA TUA

2
2 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

  1. SportsMan - 1 mese

    Si puo’ dire come da sempre fanno i piu’ accesi sostenitori che vanno all’Atalanta: “I GIOCATORI PASSANO, LA DEA RESTA “

  2. SportsMan - 1 mese

    Azzeccato il paragone con l’ex grande idolo di Bergamo Doni, di cui si sono perse le tracce

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.