La Triestina vince a Piacenza  per 2 a 1 nel ricordo del Paron Rocco

Era proprio il   20 gennaio del 1979 quando venne a mancare  il grande e inimitabile allenatore triestino ,davvero un  bellissimo modo di onorarlo sul campo

di Luca Sala
Luca Sala
(217 articoli pubblicati)
Elparon

Splendida impresa degli uomini di mister Carmine Gautieri al Garilli di Piacenza, doppietta di Maracchi e tutti a casa, con un gioco pratico e utilitaristico come quello amato  e predicato da Nereo Rocco.

Proprio il tecnico nato a Trieste ,  giocatore prima  e allenatore  dopo della formazione giuliana  , che  rappresento'  come nessun altro il "catenaccio all'italiana" con lui assurto ad  opera d'arte calcistica  per la gioia del suo amico e cantore  massimo Gianni Brera,   estimatore  convinto del calcio nostrano senza fronzoli .

Ho avuto la fortuna proprio ieri l'altro di ammirare dalle bacheche sportive di Raiplay il filmato " Un'ora con Nereo Rocco" che mi sento vivamente di consigliare agli appassionati di oggi,specie quelli piu' giovani.

Si tratta della  splendida giornata vissuta  direttamente  a casa Rocco  sulle alture del Rozzol di Trieste  da  Brera,  il piu' grande giornalista di sport di tutti i tempi scortato  dall'altro Gianni, il  fido e giovanissimo Mina'.

Attorno al  magnifico tavolo imbandito di tutto punto  su cui campeggiavano  amatissime da entrambi  le numerose  bottiglie di "quello buono" si dipanava  illuminante l'amabile conversazione da   fuoriclasse , ribadendo come solo i grandi possano rimanere persone autentiche nella loro schietta e  semplice verità, della serie "pane al pane e vino al vino"!

Ne esce un ritratto inedito del burbero triestino diverso  dal personaggio dipinto dai piu',in realta' persona assai  raffinata,colta e intelligente sopra la media non solo calcistica per stessa insindacabile  e perentoria ammissione dello scrittore pavese.

In sostanza un grandissimo uomo prima che sportivo e   allenatore formidabile , capace di autentici miracoli  quali il terzo posto nel massimo campionato  col Padova ed il secondo della sua Triestina dietro solo al Grande Torino  prima della definitiva consacrazione al Milan dove salira' sul  gradino piu' alto   vincendo scudetto e    Coppa Campioni, la prima di una squadra italiana nel 1963 a Wembley.

Onore  ed eterna gratitudine insomma   al grande paron, che la terra  gli sia lieve e  sempreverde come l'amatissimo  suo campo di gioco .

Fonte: l'autore Luca Sala

DI' LA TUA

2
2 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

  1. SportsMan - 8 mesi

    Averne di allenatori come el paron, altro che i troppi fenomeni improbabili che siedono sulle panchine odierne!

  2. SportsMan - 8 mesi

    Scrittura d’altri grandi tempi per questo pezzo da far leggere nelle scuole calcio dei giorni nostri.

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.