La Tartuca vince un Palio Straordinario per davvero

La contrada giallo e azzurra trionfa dopo otto anni grazie all'impresa dello scosso Remorex. Beffate la rivale Chiocciola e il Nicchio. Tante le cadute

di Edoardo Gori
Edoardo Gori
(123 articoli pubblicati)
Una dolce caduta

Vincere un Palio con un cavallo scosso è bellissimo, vincere un Palio con un cavallo scosso beffando la propria rivale è da leggenda. Il 20 ottobre 2018 per un contradaiolo della Tartuca sarà una data da ricordare per tutta la vita, ancor più speciale pensando alla vigilia passata quasi in sordina. Infatti, per la contrada giallo-azzurra la carriera straordinaria dedicata al centenario della pace post Prima Guerra Mondiale doveva essere una corsa di pura difesa: il cavallo Remorex, nonostante la sua ottima esperienza nelle competizioni, sembrava un soggetto inferiore a tanti colleghi, mentre il fantino, Massimo Coghe detto Tempesta, era solo al terzo Palio e oltretutto non aveva ricevuto grandi apprezzamenti dai contradaioli che avrebbero preferito Trecciolino al suo posto. Pareva un Palio da giocare in difesa della rivale Chiocciola quello preparato dal capitano Gianni Cortecci, ma come spesso accade al Palio quasi mai le previsioni vengono rispettate.

Alla mossa la Tartuca era rimasta invischiata a centro gruppo, col comando preso proprio dalla rivale Chiocciola che partiva dal primo posto fra i canapi. Al primo San Martino Torre e Oca si escludevano, come era prevedibile, dalla lotta alla vittoria coinvolgendo pure l’incolpevole Lupa. Al secondo giro la carriera palesava l’equilibrio che tutti si aspettavano: sei contrade erano racchiuse in un fazzoletto, mentre Brio metteva la Civetta al comando. Aveva fatto tutto bene il fantino più vincente in Piazza, ma purtroppo per lui Techero, arrivato al secondo San Martino, ha rifiutato di curvare ed è andato contro i materassi, col fantino senese abilissimo a rimanere in groppa, seppur perdendo definitivamente ogni chance di vittoria. Dal caos che ne è seguito ne ha approfittato Tempesta che ha preso il comando, ma il culmine della gara doveva ancora arrivare: al secondo Casato si è formato un groviglio pauroso che ha causato la caduta di quattro fantini, con Scompiglio della Giraffa che ha avuto la peggio (trauma cranico ma non preoccupante secondo i medici). Anche Tempesta non è riuscito a stare in groppa, lasciando Remorex da solo al comando ma privo della sua guida. Il cavallo scosso ha così iniziato l’ultimo giro rallentando, facendo inizialmente disperare i suoi contradaioli, ma poi ha compiuto il capolavoro: ha chiuso la porta allo scosso della rivale Chiocciola sia a San Martino che al Casato e ha saputo resistere al ritorno del Nicchio, unica contrada col fantino ancora in groppa (Tittia, anche lui abilissimo a non cadere durante il groviglio al Casato). Per la Tartuca è la prima gioia dopo otto anni di attesa, mentre era dal luglio 2004 che non vinceva un cavallo scosso.

Un Palio che già a priori era fuori dagli schemi per la sua collocazione è diventato ulteriormente unico per il gran numero di cadute e per i continui cambi al comando. Sarà difficile scordarlo per chiunque, mentre per la Tartuca sarà per sempre una pagina speciale della propria storia. Merito di Tempesta, il fantino che quasi nessuno voleva, e soprattutto di Remorex, un nome che per i contradaioli in giallo e azzurro è già leggenda.

Nota: l'articolo è stato scritto poche ore dopo il Palio, quando non erano ancora chiare le condizioni di Raoul, il cavallo della Giraffa che è stato poi soppresso per la frattura alla zampa. Sulla vicenda sarà realizzato un ulteriore articolo nel weekend.

Fonte: l'autore Edoardo Gori

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.