La caduta del Re: Federer fuori nei quarti a Wimbledon

Clamorosa ed inaspettata sconfitta dell'otto volte campione ai Championschips che perde al quinto set contro il sudafricano Anderson.

di Jacopo Sansuini
Jacopo Sansuini
(17 articoli pubblicati)
Lo svizzero Roger Federer eliminato ai quarti da Anderson

La caduta che non ti aspetti, si è materializzata ieri pomeriggio sul prato del campo centrale di Wimbledon. Roger Federer, otto volte campione su questi campi, superfavorito del torneo e testa di serie numero uno, ha perso il suo match dei quarti di finale contro il sudafricano Kevin Anderson. 4 ore e 14 minuti di battaglia ed alla fine il risultato recita 2-6 6-7 7-5 6-4 13-11 per il gigante e recordman di ace del torneo. 

Federer, che dopo la conquista dei primi due parziali sembrava poter veleggiare in acque tranquille, ha invece subito il ritorno di Anderson che dal terzo set ha iniziato a sbagliare meno da fondo, ma soprattutto ha alzato sensibilmente la percentuale di prime palle facendola lievitare dal 55% al 75%. Un gigante di 2 metri e 2 centimetri che serve al 75% è veramente dura da affrontare, soprattutto sui campi in erba. Federer però nonostante tutto sul 5 a 4 del terzo set si guadagna un match point, malamente sprecato con un rovescio steccato. Anderson così prende fiducia e porta a casa il terzo parziale con il punteggio di 7-5

Nel quarto set Federer cala vistosamente, la sua percentuale di errori gratuiti si alza e da fondo campo fatica a tenere i palleggio. Il sudafricano fa il break nel settimo gioco e si porta sul 4 a 3 e servizio. Federer avrebbe la palla per pareggiare il parziale sul 5 pari, ma lo svizzero gioca male i punti importanti e si fa sfuggire l'occasione, ed il set. Si va al quinto. 

Il set decisivo si gioca in un clima di tensione e suspance. Il pubblico del centrale, capisce che Federer è in difficoltà e cerca di spingerlo. Anderson però è una macchina e continua a colpire ai fianchi la testa di serie numero uno con una serie di ace e servizi vincenti. Si arriva così appaiati ed in equilibrio sino al 11 pari. Serve Federer che va sotto 15-30, un dritto anomalo che bacia la riga riporta lo svizzero sul 30 pari ma un doppio fallo, il primo del match regala a Anderson una sanguinosa palla break. Federer non mette la prima, sulla seconda il sudafricano risponde potente al centro e lo svizzero sbaglia l'ennesimo dritto. Dopo 4 ore e 19 minuti Anderson va a servire per il match in un centrale incredulo. Il primo punto lo mette a referto Federer, gli altri quattro il sudafricano che chiude il match con un servizio vincente sul quale un Federer stremato non oppone la giusta resistenza. 

Il tabellone delle semifinale, dopo l'uscita del campione in carica propone nella parte alta la sfida tra i giganti Andareson-Isner, mentre nella parte bassa un match che non ha bisogno di presentazioni. Sarà infatti il ritrovato Djokovic a sfidare il numero uno del mondo Rafa Nadal, in un match che si preannuncia equilibrato e tutto da vivere. 

Novak Djokovic sembra tornato quello di
Fonte: l'autore Jacopo Sansuini

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.