Jungels vince la Doyenne. Pozzovivo-Gasparotto-Formolo nella top ten

Il lussemburghese attacca sul tratto più duro della Cote de la Roche-aux-Faucons e spiazza i big, andando a vincere la corsa più importante della carriera.

di Davide Manca
Davide Manca
(438 articoli pubblicati)
Tour of Oman - Stage One

Bob Jungels è il vincitore della centoquattresima edizione della Liegi-Bastogne-Liegi, terzo successo per il Lussemburgo dopo Andy Schleck nel 2009 e Marcel Emzer nel 1954.

La Quick Step-Floors centra la vittoria numero 27 dall'inizio dell'anno - tra cui il Fiandre con Terpstra e la Freccia Vallone con Alaphilippe.

Jungels parte a poco più di 20 km dal traguardo, strappa il gruppo e s'invola da solo verso le ultime due ascese. Nel frattempo, Nibali perde contatto, finisce nel gruppo all'inseguimento di quello principale e vede sfumare anche le possibilità di un piazzamento. Daniel Martin, rimasto nel gruppetto dei migliori, fora in un tratto in discesa: arriverà 18°. 

In discesa Jungels aumenta il divario fino ad avere un vantaggio di 55" nei confronti degli inseguitori. Inutili i tentativi di raggiungerlo, tra cui quello di Vanendert, che sulla Côte de Saint-Nicolas dimezza il ritardo dal fuggitivo della Quick Step prima di rialzarsi.

Il gruppo non riesce a ricucire lo svantaggio, poiché i numerosi tentativi di raggiungere il lussemburghese sono prontamente stoppati da un Alaphilippe in stato di grazia. Alcuni corridori riescono a rientrare nel gruppetto di Alaphilippe e gli scatti proseguono: Bardet (AG2R) e Woods (EF) riescono a sorprendere il francese, ma non hanno più le energie per andare a riprendere Jungels a due chilometri dal traguardo.

Il lussemburghese amministra perfettamente e trionfa in solitaria sotto il traguardo, a circa quaranta secondi Woods scalza Bardet nella volata dei battuti, Alaphilippe controlla, arriva quarto - col senno di poi, avrebbe potuto tranquillamente vincerla vista la scarsa condizione dell'altro favorito di giornata, uno spento Valverde - segue un trio tutto italiano composto da Pozzovivo (Bahrain), Gasparotto (Bahrain) e Formolo (Bora), ottavo Kreuziger (Mitchelton) che sul traguardo riesce a passare Henao (Sky) e Fuglsang (Astana).

Valverde, stremato, è 13°. Ulissi chiude 28°, davanti a Nibali 32° a 3'07" dal vincitore di giornata.

Fonte: l'autore Davide Manca

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.