Juan Martin del Potro, il gigante buono con due palle d’acciaio

Ai prossimi US Open l'argentino sarà tra i protagonisti. Per la folla di New York è il campione più amato al pari di Roger Federer e Serena Williams

di Lorenzo Ciotti
Lorenzo Ciotti
(179 articoli pubblicati)
The Internazionali BNL dItalia 2018 - Da

Juan Martin del Potro è un nome importante, con una certa musicalità. Non prettamente raffinata, ma di una bellezza spartana, rude, che fa un po' tenerezza. Proprio come i pianti e la disperazione del gigante buono argentino dopo i gravi infortuni prima al polso destro, nel 2010, poi al polso sinistro, nel biennio 2014-2015. Un calvario senza fine. Dal quale nessuno poteva pensare a un suo reale ritorno. 

Lui, che nel 2009 stupì il mondo, sconfiggendo Roger Federer sui campi di Flushing Meadows, a soli ventuno anni. Non è un caso se a New York del Potro è il campione più amato dalla folla, al pari di Federer e Serena Williams. La Torre di Tandil ha superato prove che in pochi sarebbero riusciti a lasciarsi alle spalle. Come l'Araba Fenice, l'argentino è tornato a sfidare i campi da tennis. Dopo quasi due anni di inattività. 

Tra alti e bassi eccolo di nuovo protagonista nel 2016, con la medaglia d'argento alle Olimpiadi di Rio, la vittoria nel torneo 125 di Stoccolma e soprattutto il trionfo in Coppa Davis. Il 2017 è stato più avaro di emozioni  e soddisfazioni per lui, con il bis a Stoccolma e la semifinale agli US Open. E quast'anno, proprio sul palcoscenico glamour newyorkese, del Potro potrebbe essere di nuovo tra i più attesi. 

Nel 2018 ha già vinto Acapulco e soprattutto  il primo Masters 1000 in carriera, a Indian Wells, guarda caso proprio contro Federer. Per la prima volta in carriera ha raggiunto il terzo posto del Ranking ATP. E intanto la folla degli US Open è pronta a tributargli il giusto omaggio. A un campione che ha superato mille difficoltà, senza arrendersi mai, mostrando gli attributi a più riprese, diventando un esempio vivente di forza di volontà e determinazione per tutte le giovani generazioni che si avvicinano al mondo del tennis.

Fonte: l'autore Lorenzo Ciotti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.