Il sole, il mare e… il calciomercato

Si avvicina l'estate e si avvicina il tempo di calciomercato.

di Elena Maida
Elena Maida
(122 articoli pubblicati)
Udinese Calcio v FC Internazionale - Ser

E' maggio: sta finendo il campionato, si avvicina l'estate, la fine della scuola, le vacanze, la maturità, la sessione estiva e una serie di tante cose che sarebbero troppe da elencare. 

E se siete universitari e tifosi di calcio come nel mio caso, questo non è il periodo più bello dell'anno. Ma c'è qualcosa che allieterà anche la peggiore delle situazioni: il calciomercato. Il calciomercato è definito da un periodo, più o meno lungo, in cui le varie squadre di calcio comprano o vendono uno o più giocatori per rafforzarsi. Teoricamente questa è la definizione; in pratica non è così semplice. A volte non ci si capisce proprio nulla. O, per meglio dire, io non ci capisco nulla a volte. 

Ho ragionato e sono arrivata alla conclusione che esistono due tipi di trattative: quella last minute, ossia fatta nell'ultimo quarto d'ora dell'ultimo giorno (dove succedono colpi di scena che farebbero impallidire i produttori di qualsiasi serie tv) o le trattative infinite, ossia quelle che al 90% non si realizzeranno mai. 

Ma la cosa che mi diverte maggiormente, sono i modi in cui le varie società agiscono per acquistare un giocatore e voglio dividerle nelle seguenti categorie: 

  1. Sceicco: la squadra con milioni e milioni. Non si sa come faccia ad avere tutti quei soldi senza nemmeno un problema finanziario, lei è la squadra che sarebbe capace di spendere 300 milioni per il terzo portiere e 400 per il magazziniere. Il Psg, insomma. Ma la vera domanda è: dopo che ha speso tutti quei soldi, vince qualcosa di importante a parte il campionato o no?
  2. Fair play finanziario: è la squadra che ogni volta deve vendere qualcuno per poi poter agire sul mercato. Io la chiamo anche "squadra mai una gioia". Il motivo? Perché il giocatore potrebbe essere un talento da far crescere o  un'ottima alternativa o addirittura un giocatore fondamentale su cui porre le basi per un progetto duraturo; ma la suddetta mai una gioia o mai una Jorah per gli appassionati del Trono di Spade, dovrà venderlo. E a volte alla diretta concorrente. Forse Jorah Mormont aveva più gioie...
  3. Talent Scout: la squadra che cerca giocatori giovani e che costano poco in squadre di cui, a volte, non sappiamo nemmeno l'esistenza. Riconducibile anche a una tipologia di fantallenatore, la squadra talent-scuot potrà scoprire due tipologie di giocatore: scoprire un fenomeno o scoprire un normalissimo giocatore (probabilmente insultato durante l'anno dai più scettici o "deve crescere" dai più fiduciosi. 
  4. Parametro zero: la squadra che compra solo giocatori svincolati. Nessuno ha mai capito se sia un bene o un male. Un bene se non si vuole spendere, un male se si pensa di vincere qualcosa. "Ai posteri l'ardua sentenza". E se lo dice Alessandro Manzoni, io mi fiderei...

Ci aspetta una grande estate di colpi e contraccolpi. E solo alla fine vedremo chi avrà fatto le scelte giuste. 

Fonte: l'autore Elena Maida

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.