Giro & co.: quando la vittoria si colora di rosa!

Dal ciclismo al calcio: quando il rosa è il colore del trionfo.

di Marco Fiammetta
Marco Fiammetta
(73 articoli pubblicati)
Giro dItalia Italia e Giro Rosa

Dopo avere raccontato alcune imprese sportive legate all’arancione, il nostro viaggio prosegue con un nuovo colore: il rosa.

La maglia rosa nel mondo dello sport vuol dire Giro d’Italia. Tre ciclisti sono riusciti a scrivere il loro nome per 5 volte nell’albo d’oro della corsa rosa: Alfredo Binda, Fausto Coppi ed Eddy Mercks. Abbiamo già avuto modo di raccontare alcune delle imprese del Campionissimo e del Cannibale: è arrivato il momento di ricordare il Signore della Montagna.

La migliore stagione di Binda fu il 1927, anno in cui conquistò il Giro ed il titolo mondiale su strada. Come Merckx, anche Binda ha conquistato per 3 volte la maglia iridata curiosamente precedendo sempre un connazionale: Girardengo (nel 1927 al Nurburgring), Guerra (nel 1930 a Liegi) e Bertoni (nel 1932 a Roma). 

Come Binda, Coppi e Merckx anche Fabiana Luperini ha vinto 5 Giri d’Italia (rispetto ai tre successi di Nicole Brandli e Marianne Vos). Dal 1995 al 1997 la Pantanina ha centrato l’accoppiata Giro Rosa-Tour de France: anche le 3 vittorie in Francia costituiscono un primato, condiviso con la Longo e la Somarriba.

Malgrado indossi abitualmente l’azzurro, la nazionale femminile di pallanuoto viene comunemente chiamata Setterosa. La squadra del CT Formiconi ha conquistato due titoli mondiali: nel 1998 a Perth e nel 2001 a Fukuoka.

In Australia, dopo avere concluso il girone al quarto posto, l’Italia sconfisse il Canada (12-9) e l’Australia (10-9) ottenendo l’accesso alla finale nella quale si impose sull’Olanda (7-6). In Giappone, invece, chiuse il girone al terzo posto prima di superare Australia (4-1), Stati Uniti (8-6) e, in finale, l’Ungheria (7-3). 

Ai Giochi Olimpici di Atene del 2004 il Setterosa, anche in quel caso guidato da Formiconi, concluse il girone al secondo posto. Poi sconfisse Ungheria (8-5), Stati Uniti (6-5) e Grecia (10-9). Conti, Miceli, Allucci, Malato, Araujo, Musumeci e Grego (presenti anche a Perth e Fukuoka) coronarono le loro carriere con la medaglia d’oro olimpica.

Il filo rosa che unisce due delle squadre più amate del nostro calcio, la Juventus (in camicia rosa e cravattino nero fino al 1903) ed il Palermo (rosanero dal 1907), ha colorato anche la Coppa del Mondo del 2006. Fra i 23 azzurri scelti da mister Lippi erano presenti 5 juventini (Buffon, Camoranesi, Cannavaro, Del Piero e Zambrotta) e 4 rosanero (Barone, Barzagli, Grosso e Zaccardo).

La vittoria sul Ghana (con reti di Pirlo e Iaquinta), il pareggio contro gli Stati Uniti (Gilardino) ed il successo sulla Repubblica Ceca (Materazzi ed Inzaghi) permisero all’Italia di concludere in testa il girone. A Kaiserslautern l'ottavo contro l'Australia si complicò con l’espulsione di Materazzi (al 50’), ma in pieno recupero Grosso venne atterrato in area e Totti trasformò il rigore che ci diede il passaggio del turno. 

Ad Amburgo la rete di Zambrotta (6’) e la doppietta di Toni decisero il quarto con l’Ucraina e l’Italia si trovò a riaffrontare la storia: la Germania in una semifinale mondiale. A Dortmund i primi 118 minuti servirono a preparare le emozioni finali: Pirlo per Grosso, che si inventò una conclusione da campione (119’); Cannavaro interruppe l’ultimo assalto tedesco e Del Piero, in contropiede, ci portò tutti a Berlino (121’). 

Nella finale con la Francia, Zidane e Materazzi furono protagonisti non soltanto delle reti che portarono la sfida ai calci di rigore. Del Piero e Grosso, trasformando gli ultimi due tiri dal dischetto, portarono l’Italia per la quarta volta sul tetto del Mondo. E gli italiani tornarono in strada a festeggiare.

Grosso e Del Piero: due dei protagonisti del mondiale tedesco. Il giocatore del Palermo, prima del torneo, venne promesso all’Inter: l’ultima partita in rosanero la giocò a Torino contro la Juventus di Del Piero. Pinturicchio rimase in bianconero fino al 2012. In occasione della sua ultima partita in Serie A, contro l’Atalanta, la squadra torinese scese in campo con la seconda maglia: rosa con stella nera!

Fonte: l'autore Marco Fiammetta

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.