Ferrari & co.: quando la vittoria si colora di rosso [prima parte]

Tennis, calcio e motori: spesso, nel mondo dello sport, il rosso è il colore del trionfo.

di Marco Fiammetta
Marco Fiammetta
(64 articoli pubblicati)
Forest Davis e Ferrari

Le maglie rosse indossate dai tennisti spagnoli e canadesi in occasione della recente finale di Coppa Davis ci offrono lo spunto per proseguire il nostro viaggio fra i colori dello sport. Diverse sono le nazionali, di tennis e non solo, che indossano abitualmente questo colore, ma il rosso ha colorato anche l’unica vittoria in Coppa Davis di una nazione che, abitualmente, si identifica con un altro colore: l’azzurro.

L’Italia iniziò l’edizione del 1976 eliminando agevolmente Polonia e Jugoslavia. A luglio si impose sulla Svezia (che si presentò a Roma senza il vincitore di Wimbledon: Bjorn Borg). Il mese dopo, proprio a Wimbledon, Adriano Panatta e Tonino Zugarelli si aggiudicarono i quattro singolari: la Gran Bretagna conquistò solo il punto del doppio. A fine settembre si tornò a Roma per la semifinale contro l’Australia. Sul due a due scesero in campo Panatta e John Newcombe per la partita decisiva: l’australiano vinse il primo set, ma poi dovette subire la progressione del vincitore del Roland Garros. Fra la squadra guidata da Nicola Pietrangeli e la Coppa Davis era rimasto un ultimo ostacolo: il Cile, giunto in finale anche grazie alla rinuncia dell’Unione Sovietica (per protesta contro il regime del generale Augusto Pinochet).

A Santiago, a dicembre, Corrado Barazzutti e Panatta vinsero i singolari della prima giornata: l’Italia si trovava, quindi, ad un punto dalla conquista della Coppa Davis! Panatta e Paolo Bertolucci decisero di scendere in campo per l’incontro di doppio indossando un’inedita magliettina rossa, il colore dell’opposizione al dittatore cileno. La coppia italiana vinse in quattro set: l’insalatiera d’argento si colorò di azzurro… e di rosso.

Come descritto anche in Real & co.: quando la vittoria si colora di bianco! (prima parte:  http://gazzettafannews.it/basket/real-co-quando-la-vittoria-si-colora-di-bianco-prima-parte/ - seconda parte: http://gazzettafannews.it/basket/real-co-quando-la-vittoria-si-colora-di-bianco-seconda-parte/ ) il Real Madrid, con le sue tradizionali maglie bianche, è la squadra che ha conquistato più edizioni della Coppa Campioni - Champions League (13), ma il colore più vincente della competizione è il rosso. Scorrendo l’albo d’oro, infatti, fra le squadre campioni d’Europa troviamo: il Liverpool (trionfatore in sei occasioni), il Bayern Monaco (5), il Manchester United (3), il Benfica Lisbona (2), il Nottingham Forest (2) e la Steaua Bucarest (campione nel 1986 grazie all’incredibile impresa del proprio portiere, Helmuth Duckadam, capace di opporsi con successo ai quattro calci di rigore battuti dai giocatori del Barcellona dopo lo zero a zero con cui si era conclusa la finale). Fra le pagine più rappresentative legate al colore rosso c’è, sicuramente, quella scritta dal Nottingham Forest alla fine degli anni settanta.

[continua]

Fonte: l'autore Marco Fiammetta

DI' LA TUA

1
1 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

  1. fiammmarco - 2 settimane

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.