Federer, Nadal o Djokovic: chi dominerà la seconda parte di stagione?

Il ritorno del serbo renderà più equilibrati i prossimi quattro mesi. Da che parte pende il pronostico?

di Lorenzo Ciotti
Lorenzo Ciotti
(122 articoli pubblicati)
ATP World Tour Finals - Media Day

Roger Federer, Rafael Nadal o Novak Djokovic: chi di loro dominerà la seconda parte di stagione del tennis maschile? Ci saranno degli outsiders in grado mettere un freno allo strapotere di questi tre campioni? Chi di loro sarà il favorito ai prossimi US Open?

Roger Federer

Dopo la delusione di Wimbledon, lo svizzero ha deciso di rinunciare alla Rogers Cup, per poi rientrare negli States, al Masters 1000 di Cincinnati. Con vista su New York, ultimo Major stagionale. A Flushing Meadows Federer avrà ovviamente le sue chance. Negli ultimi anni però Roger ha raggiunto la finale del 2015, senza mai convincere pienamente nelle altre occasioni. Dal 2008 a oggi l'elvetico non ha più brillato sul palcoscenico degli US Open, se non per le finali del 2009, persa contro Juan Martin del Potro e, appunto, quella del 2015 persa con Djokovic. Tradizionalmente negli ultimi dieci anni egli è stato, dei tre, quello che ha reso di meno, a New York. E forse anche quest'anno potrebbe partire dietro i suoi due rivali. Certo, se sfrutterà bene la condizione fisica dopo aver riposato un mese tra Londra e il Canada, allora ci sarà da divertirsi.

Novak Djokovic

La vittoria a Wimbledon gli avrà dato una grande iniezione di fiducia. Certo è che il suo livello fisico non è paragonabile a quello di due anni fa. Potremmo dire che in generale Nole è attualmente all'85% del suo potenziale fisico. Mentalmente abbiamo un giocatore pienamente ristabilito. La tigna con la quale ha sconfitto Nadal a Londra  è degna del miglior Nole. Tutto dipenderà dal fisico. Se arriverà con una condizione radente la perfezione, allora potrebbe essere il favorito. Senza forma fisica altrimenti sarà dura sotto il caldo e sul cemento newyorkese.

Rafael Nadal

A posteriori si può dire che la sconfitta a Londra con Djokovic sia stato più un frutto del caso. Il faticoso quarto con del Potro, la semifinale giocata su due giorni e indoor. Fisicamente Rafa è quello che sta meglio dei tre. Potrebbe arrivare a Flushing Meadows con il serbatoio pieno, e ciò farebbe tutta la differenza. Negli ultimi anni lo spagnolo ha dimostrato di saper ovviare a condizioni di gioco a lui nient'affatto congeniali e, con duemila punti da difendere a New York derivanti dalla vittoria della scorsa stagione, sicuramente le motivazioni non gli mancheranno. Dei tre attualmente è quello che sembra avere più chances. Potrebbe anche essere la volta buona per la ATP Finals, ultimo tassello mancante di una strepitosa carriera?

Outsiders

Difficile per chiunque. Marin Cilic, Juan Martin del Potro e Kevin Anderson sono le logiche sorprese, ma chi per forza fisica, chi per forza mentale, sembrano non poter competere con i loro tre rivali. Poche opportunità per Alexander Zverev e Dominic Thiem, su una superficie a loro non adatta. Potrebbe essere l'occasione d'oro per Nick Kyrgios, ma servirà un miracolo all'australiano. Attenzione a Andy Murray: dovesse arrivare in buona forma fisica, allora ci sarà un grande spettacolo.

Fonte: l'autore Lorenzo Ciotti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.