Doha a senso unico, il quinto giorno si colora di stelle e strisce

Kendricks (asta), Brazier (800), Lyles (200) regalano tre ori agli Usa, sono loro i padroni di Doha. Prestazioni sufficienti da parte degli azzurri in gara

di Mattia Gallo
Mattia Gallo
(22 articoli pubblicati)
Duplantis Lisek e Kendricks

In un Khalifa Stadium che giorno dopo giorno ha sempre più spettatori è andata in scena la quinta giornata, esattamente al giro di boa di un mondiale che ci sta regalando belle gare, soprattutto nei concorsi. Nella giornata di martedì gli Stati Uniti hanno fatto bottino pieno al maschile vincendo i tre titoli in palio, dimostrando una superiorità assoluta, soprattutto nella velocità in cui la Giamaica ha perso lo status di nazione guida. L'unico titolo al femminile è quello del giavellotto, andato, a sorpresa, all'australiana Kelsey-Lee Barber capace di ribaltare tutto all'ultimo lancio e togliendo l'oro alla Cina.

A livello azzurro è stato un pomeriggio abbastanza soddisfacente, nei 400 hs collezioniamo un buon bottino, due atlete su tre passano il turno e vanno in semifinale. Ayomide Folorunso e Yadis Pedroso le due azzurre promosse, si ferma qua invece Linda Olivieri. Nell'alto maschile Gianmarco Tamberi piazza un 2.29 m che gli vale la qualificazione alla finale dimostrando di essere in palla per questo mondiale, fallisce la stessa misura Stefano Sottile che conclude qua comunque una grande stagione. Bene i due disposti, Chiappinelli e Zoghlami, che, pur andando vicino al personale non riescono nell'ingresso in finale. Inoltre un Davide Re sontuoso ha ottenuto il passaggio del turno con 45.08 nei 400 m, dominando la sua batteria senza dimostrare grande difficoltà. Arriva in semifinale con il quinto tempo e una finale che non sembra una missione impossible.

Capitolo azzurri archiviato vediamo cosa è successo nelle finali. Partiamo da quella dove era presente un altro azzurro, Claudio Stecchi, l'asta maschile. Ottavo è l'azzurro con 5.70 m e tre tentativi a 5.80 m in cui c'è poco da rimpiangere, considerata la stagione difficile del fiorentino lo si può considerare un buon mondiale, peccato che poteva essere la gara buona per migliorare ancora un pò il personale. Per la medaglia d'oro una gara bellissima, per molto tempo a tre: il polacco Lisek, il giovane svedese Duplantis e l'americano Kendricks. Lisek è il primo ad arrendersi alla quota di 5.97 m, nei tre tentativi ci va vicino ma non è mai vincente. Mentre Kendricks lo fa al primo tentativo, lo svedese classe 2000, campione europeo l'anno scorso a Berlino, ha dovuto sudarlo fino al terzo tentativo. Alla misura di 6.02 m lo scontro è aperto, si susseguono una serie di tentativi molto validi, quando, però, Duplantis abbatte l'asticella per la terza volta per lui arriva l'argento a causa del computo dei nulli. Oro a Kendricks che, seppur sudata, si merita fino all'ultimo questa medaglia, in tutto il 2019 è apparso il più forte e ce l'ho ha dimostrato anche in Qatar.

 L'altra finale dall'alto valore tecnico è stata quella dei 200 m. Noah Lyles ha rispettato il pronostico che lo decretava vincitore con larghissimo margine, la vittoria è stata netta ma il tempo, 19"86, ci conferma che comunque è stata senza grandi fuochi d'artificio. Ha pagato il fatto di aver dato tutto fin dai turni preliminari. Per il podio è venuta fuori una bella lotta, all'uscita dalla curva sembravano avvantaggiati in tre: De Grasse, Gulyiev e Gemili. Quest'ultimo ha poi pagato lo scotto di esser partito veramente forte e si è ritrovato quarto sul traguardo. Il canadese De Grasse, già bronzo sui 100, ha saputo, invece, resistere dal ritorno di Gulyiev prima e dell'atleta dell'Ecuador Quinonez, il quale si prenderà un bellissimo bronzo ai danni di Gemili e dello stesso campione in carica Gulyiev. Nella sesta giornata cominceranno le prove multiple che si concluderanno giovedì, oltre alle tre finali di martello maschile, 200 femminili e 110 ostacoli.

Fonte: l'autore Mattia Gallo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.