Doha 2019, primo mondiale senza Bolt, alla scoperta del suo successore

In Qatar i primi mondiali senza il primatista dei 100 e dei 200 m. Chi sono i volti nuovi dell'atletica mondiale? Chi, tra loro, raccoglierà l'eredità di Usain?

di Mattia Gallo
Mattia Gallo
(22 articoli pubblicati)
Usain Bolt 33 anni

Ci siamo ormai, il conto alla rovescia sta per esaurirsi e con lui tutte le attese termineranno per lasciare il posto agli eventi e alle gare. Doha, capitale del Qatar, è pronta ad ospitare la 17esima edizione dei campionati mondiali di atletica leggera. 209 paesi con una loro rappresentativa per un totale di 1900 atleti, pronti a scendere in pista per il titolo iridato. Nel mondiale preolimpico quello nel quale gli atleti dovranno trovare le prime risposte in vista dei giochi olimpici dell'anno successivo. Quest'anno più che mai visto che i mesi tra mondiale e olimpiade si sono molto accorciati.

Saranno i primi mondiali senza Usain Bolt, l'uomo che è stato il faro dell'atletica mondiale per molte stagioni. Lascia un'eredità importante, non solo in termini di record e vittorie ma anche, e soprattutto, in termini di popolarità, di spettacolo. Il velocista giamaicano è stato uno degli atleti più famosi e conosciuti non solo dell'atletica ma di tutto lo sport mondiale, è diventato nel corso della sua vita patrimonio dell'umanità. Con Bolt ci siamo lasciati a Londra nel 2017, nello stesso mondiale in cui anche Mo Farah ha fatto la sua ultima apparizione in pista prima di dedicarsi alla strada.

Quindi, inevitabilmente, l'imminente campionato del mondo porterà un grande bagaglio di novità e avrà anche degli oneri importanti. Tra quest'ultimi anche la ricerca degli atleti del dopo Bolt, ovvero chi si prenderà il peso mediatico del giamaicano?

In realtà ci potrebbe essere più di un candidato. Noah Lyles, 22 anni, arriva dalla doppietta in Diamond League sui 100 e 200, primo nella storia, i tempi e la superiorità dimostrata sin qui lo proiettano molto in alto, basti pensare che è già stato capace di 19"50 sui 200. In Qatar sarà in gara solo sulla distanza più lunga e, a quanto visto sin qui, non sembrerebbe avere rivali, potrebbe essere uno di quelli che fa alzare tutto lo stadio in piedi e trasportarlo con lui nel suo mondo. Stesse potenzialità, sportive e mediatiche, le possiede Juan Miguel Echevarria, 21 anni. Nel salto in lungo è a questione di centimetri dal primato del mondo di un certo Mike Powell a 8.95 m, se trova la stabilità sullo stacco potrebbe davvero rivelarsi una macchina invincibile e invalicabile. Anche lui sarebbe capace di trascinare uno stadio intero. Nel triplo invece potrebbe esserci una sfida molto interessante tra l'intramontabile Christian Taylor e Will Claye che già nelle tappe di Diamond non se le sono mandate a dire. Al maschile non si può non citare la gara dell'asta dove il panorama potrebbe far svettare gli atleti a quote mai viste, oltre ai 400 hs dove Kastern Wharolm si avvia a conquistare il suo primo titolo, e potrebbe non bastargli.

Anche al femminile si alterneranno sfide aperte ad ori annunciati. Maria Lasitskene ha composto un 2019 da assoluta regina, la prima e l'unica sconfitta è stata quella di Minsk ad opera della Levchenko, candidata ad una medaglia. Di nuovo l'asta potrebbe essere teatro di una bella sfida, la Stefanidi, chiamata a difendere il titolo, dovrà porre rimedio all'ascesa della canadese Newman e dell'americana Norris. La velocità, soprattutto i 100 m, offrono un panorama molto ampio. La giamaica con la coppia Thompson e Fraiser-Pryce potrebbe tentare la doppietta, ma la Asher-smith e la Ta-lou non le manderanno certo a dire. Anche i 400 ha non hanno una favorita assoluta, certo la Muhammad con quel 52.20 (WR) non si è certo nascosta ma dietro di lei ci sono molte atlete che potrebbero giocargli un brutto scherzo, vedi Sidney McLaughlin. Nei lanci le sfide mai come quest'anno sono aperte. 

Non ci resta che aspettare che arrivi venerdì, quando i riflettori del Khalifa Stadium, a Doha, si accenderanno per illuminare gli atleti e i loro corpi spinti oltre il limite. Gli ultimi giorni prima dei primi mondiali che, inevitabilmente, daranno il via ad una nuova era, rimane solo da scoprire quali saranno i protagonisti e i padroni. Chi sarà il successore di sua maestà Usain Bolt.

Fonte: l'autore Mattia Gallo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.