Campionato A1 volley femminile: un primo bilancio (parte 1)

Superata la prima metà del girone di andata della Regular season, proviamo a tracciare un primo bilancio

di Marco Chiavacci
Marco Chiavacci
(35 articoli pubblicati)
la classifica della 7ª giornata

Nello scorso week-end si è svolta la settima giornata della regular season del campionato di A1 femminile: siamo dunque a metà del girone di andata (mercoledì c’è stato anche il recupero di Conegliano-Novara). Ci sono pertanto le condizioni per tentare un primo, parziale bilancio di questo inizio di stagione.

NOVARA
Ruolino di marcia impressionante, con 7 vittorie su 7 incontri, leggermente macchiato solo dal successo per 3 a 2 sul Club Italia (ove all’inizio erano state schierate le riserve), ma impreziosito dai due convincenti successi in trasferta contro le più dirette concorrenti al successo finale, Conegliano e Scandicci. Molto bene in attacco (41% di efficienza), con Veljkovic, Egonu (devastante contro Conegliano) e la sua riserva Bici in evidenza; un po’ meno performanti in ricezione. In attesa del recupero di Plak, la squadra ha schierato diverse combinazioni in banda: al momento l’assetto sembra assestarsi sulla coppia Piccinini-Bartsch. In corso il rodaggio di Carlini al palleggio.

BUSTO ARSIZIO
Ottimo esordio in campionato (6 vittorie su 6 incontri, con un solo 3 a 2 in rimonta da 0-2 con Firenze), anche se favorito da un calendario piuttosto agevole e dalla possibilità di disporre fin dall’inizio della preparazione dell’organico al completo. Efficienza in attacco e ricezione su livelli complessivamente medio-buoni. In fase di rodaggio nel nostro campionato, con un esordio comunque nel complesso positivo, Herbots e Grobelna; al centro prevale al momento la coppia Bonifacio-Botezat (bene soprattutto a muro); appena avviato il recupero di Meijners. Decisiva per saggiare la solidità e le ambizioni di Busto la tripletta di incontri di fine dicembre (nell’ordine Novara, Casalmaggiore e Conegliano).

CONEGLIANO
Inizio di campionato in grande spolvero, con 5 vittorie per 3 a 0 nelle prime 5 partite (e, ciliegina sulla torta, le vittorie con le più dirette pretendenti al titolo, Novara e Scandicci, in Supercoppa e in Champions), spezzato però dalla fresca sconfitta casalinga con Novara nel recupero della quarta giornata. Gioco molto efficace, orchestrato da una Wolosz in buona forma, panchina di grandissima qualità, con ricambi che sarebbero titolari in quasi tutte le altre squadre. Grande efficienza complessiva in attacco (44%, con Danesi e Fabris prime per efficienza nelle statistiche di ruolo), ma bene anche in ricezione (soprattutto con Hill e De Gennaro). Nota dolente il grave infortunio di Easy (per lei stagione finita), che aveva iniziato assai bene.

CASALMAGGIORE
Positivo inizio di campionato, con 5 vittorie su 7 incontri (due sconfitte negli incontri con le squadre sulla carta più forti, Conegliano e Scandicci). Più che buoni livelli di efficienza complessiva sia in ricezione che in attacco. La squadra, formata tutta da nuove giocatrici, ha trovato ben presto buoni livelli di affiatamento: in banda sembra delinearsi la coppia Carcaces-Caterina Bosetti (con quest’ultima ormai avviata al pieno recupero); Rahimova è un opposto di spessore, assai efficace anche al servizio; al centro buone performance di Kakolewska, affiancata da Mio Bertolo (in attesa del recupero di Arrighetti); ancora da stabilizzare il palleggio, con Radenkovic spesso sostituita da Pincerato.

SCANDICCI
È la squadra che ha più subìto gli effetti del Mondiale giapponese, con quattri titolari (tra cui la nuova palleggiatrice titolare Malinov) aggregatesi solo pochi giorni prima dell’inizio del campionato. Cinque vittorie su sei incontri, con una netta sconfitta in casa contro Novara alla seconda giornata. Sembra sulla via del recupero dell’iniziale gap di preparazione, registrando costanti progressi; assai buona l’efficienza in attacco (bene Mitchem), ancorché distante da quella di Conegliano e Novara, ma ha ancora da migliorare soprattutto in ricezione. Alcune giocatrici (tra cui la stessa Haak) non si stanno ancora esprimendo al meglio. Importante, soprattutto in chiave offensiva, completare il pieno recupero di Vasileva.

(segue)

Fonte: l'autore Marco Chiavacci

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.