“Alonso”: il più speciale per Francesca Michielin

"Mi farei anche le Asturie a piedi per dirti che per me rimarrai sempre speciale, il più speciale"

di Paolo Capano
Paolo Capano
(59 articoli pubblicati)
michielin alonso

2640 è il titolo dell'album di Francesca Michielin pubblicato lo scorso gennaio. L’artista di Bassano del Grappa è una ragazza del ’95 che ama la Formula Uno e il suo mito è Fernando Alonso. Fa il tifo per la Juventus, ma anche per il Vicenza. Tanto che la retrocessione in Serie B nel 2001 e la conseguente delusione diventa il punto di partenza del brano "La Serie B", contenuto sempre in 2640. Segue il calcio sin dalla tenera età: "Il mio primo ricordo risale a Vicenza-Juventus del ’98 con Del Piero in campo. – ha dichiarato in un'intervista alla Gazzetta - Avevo tre anni e, davvero, lui e Jovanotti sono stati i miei primi ricordi".  

Cresciuta con usi e costumi della generazione anni ’90: il lettore CD, Monopoly, il Festivalbar, la PlayStation 1, il Nokia 3310. Il suo stile ricorda le variopinte divise dei portieri a USA ’94. Abbina quel lettering inconfondibile alla versatilità strumentale. Poliedrica. Francesca Michielin è la Juan Cuadrado della musica italiana: freschezza e duttilità li accomunano. Viene naturale l’accostamento, dato che 2640 sta ad indicare l'altitudine di Bogotà, la capitale della Colombia… 

"Alonso” è la traccia finale del disco, come ad indicare lo sventolio della bandiera a scacchi. La canzone è una dichiarazione d'amore platonico verso il suo pilota preferito. A Francesca si stringe il cuore sapendo il talento innato di Fernando fermo ai box. Anche perché negli ultimi tempi ha guidato monoposto inferiori alle altre. È dispiaciuta perché lo spagnolo ha vinto meno di quanto avrebbe potuto, visto il carattere e l'indiscutibile abilità al volante.  "Mentre gli altri vincono, io penso a te come stai. Mi dispiace non vederti felice mai, esultare mai". Tuttavia, non manca di ammonirlo per quando ha dato colpa alla macchina. Qui, il riferimento al periodo in Ferrari è puramente voluto.  

Il brano vuole essere, inoltre, un ringraziamento per i sacrifici che i genitori fanno per i figli: "A volte penso a mio padre. Mi rendo conto che ha vissuto per me. E io non so se ne sarei capace e mi sento in colpa se gli rispondo male" (Francesca condivide con il suo papà la passione per Alonso...). Ribadisce fortemente il valore della famiglia: "La cosa più importante. Ti dicono di no, ma ci ritornerai per sempre".

Alonso ha appena concluso la sua carriera in F1. Il giro d’onore ad Abu Dhabi è stato davvero speciale. Un'immagine bellissima. Il due volte campione del mondo scortato da Hamilton e Vettel. Gesto di rispetto e di riconoscenza. E Francesca Michielin, naturalmente, si farebbe le Asturie a piedi per (ri)dirgli che sarà sempre speciale, il più speciale.

Fonte: l'autore Paolo Capano

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.