Allison Felix, 12° oro, mentre vinceva contro aziende miliardarie

È diventata l'atleta più vincente dell'atletica nella storia dei Mondiali mentre combatteva per la difesa dei suoi diritti e di quelli di tutte le mamme

di Mattia Gallo
Mattia Gallo
(22 articoli pubblicati)
Allison Felix neo mamma

Avete presente Usain Bolt, quello che correva talmente veloce che a seguirlo con lo sguardo rischiavi di stirarti tutti i muscoli del collo? Ma si dai, quello che a Rio vinse sorridendo sul traguardo? Insomma quello che detiene il record del mondo sui 100 e i 200? Ecco, avete presente? Dimenticatelo, da oggi non è più lui il più vincente atleta della storia dell'atletica. Avete capito bene, le statistiche lo hanno condannato e in quanto a bellezza e grazia ne hanno guadagnato pesantemente.

Allison Felix, statunitense, con la vittoria nella prima staffetta mista in un mondiale ha portato a casa la sua dodicesima medaglia d'oro, superando Bolt, fermo a 11. Da Helsinki 2005 a Doha 2019, la Felix è salita 17 volte sul podio, sui suoi amati 400, le staffette e non solo. Si è così presa lo scettro che la consacra nella storia del suo sport, facendola divenire a tutti gli effetti l'atleta più forte della storia.

Ma oltre alla vittorie in pista, a cui è d'obbligo aggiungere i 6 ori e le tre le medaglie d'argento nei giochi olimpici, ha collezionato un'altra vittoria fondamentale nella sua vita. La diciottesima medaglia, la più importante, è quella che ha conquistato l'anno passato, o forse sarebbe meglio dire che ha partorito l'anno passato. Nel 2018 è, infatti, diventata mamma per la prima volta, dando alla luce la piccola Camryn. Un momento di assoluta gioia che però ben presto si è visto contornare da un'ombra.

Nel momento in cui è entrata in maternità l'azienda sportiva che la sponsorizza ha deciso di detrarre dal suo compenso il 70%. La Felix, agonista dentro e fuori dal campo, non ci è stata dal primo momento, ha subito cominciato una campagna di sensibilizzazione, che ha visto anche il ricorso agli avvocati. Una scelta del tutto volontaria che ha messo in discussione anche il suo contratto di sponsorizzazione, la sua carriera e la sua immagine. E mi piace immaginare che anche quelli più vicini a lei, che l'hanno spinta per accusare il colpo e abbassare la testa di fronte all'ennesimo caso di disparità di genere abbiamo ricevuto in risposta un secco no, deciso e fiero, come sa essere solo quello di una donna.

Una campagna che ha avuto effetti importanti anche sulla società in genere, esaltando la Felix come esempio nella lotta per i riconoscimenti dei diritti civili in ogni genere, tempo e luogo. Nella causa conclusa quest'anno il finale è stato a lieto fine, mettiamoci l'anima in pace e rassegnamoci al fatto che i lieti fine possono ancora esistere, un finale che ha visto l'atleta vincitrice e che ha condannato l'azienda (quella col baffo per intenderci). 

Tutta questa vicenda permette alla neo mamma di passare alla storia come un'atleta assoluta ma al tempo stesso come una donna forte, capace di alzare la testa quando tutti le consigliano di abbassarla, coraggiosa di sfidare aziende miliardarie affinché, non solo a lei, ma a nessuna venga mai riproposto il trattamento riservatole. Siamo di fronte ad un'atleta incredibile, nessuno lo mette in dubbio, che in qualche modo ha cambiato la storia del suo sport. Ma parallelamente ha anche vinto la gara più importante, quella della vita, fuori dalla pista, entrando di diritto nella storia in toto, come l'ultimo tassello, in ordine cronologico, del puzzle di coloro che hanno lottato per i diritti civili e umani.

Fonte: l'autore Mattia Gallo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.